Italiano
English
Deutsch
mercoledì, 23 luglio 2014
montagna

Tra rocce e spiritualità

Nella più profonda tradizione e rispetto per il territorio, si scopre  un Monte Amiata aperto al dialogo, alle nuove culture, un ambiente di una spiritualità intima.

Sull'Amiata è l'elemento religioso, più che quello storico, ad aver lasciato segni e figure nella sensibilità popolare.

In questo contesto si inserisce forse la comunità buddista Merigar dell'istituto Dzog-chen, installatasi sul Monte Labro negli anni settanta, e fulcro oggi di un richiamo spirituale recentemente riscoperto dalla civiltà occidentale. Questa comunità si è insediata nel versante del monte Labro, che fu teatro nell'ottocento dell'avventura mistica e sociale di David Lazzaretti, e costituisce meta di visite e di incontri filosofici e spirituali di elevato livello culturale e scientifico.

Un ulteriore testimonianza della spiritualità del posto  ci è data dal  monastero di Siloe nel comune di Cinigiano : il lavoro, il silenzio, l’accoglienza e l’accompagnamento rinnovano l’antica spiritualità benedettina che per l’Amiata è stata particolarmente importante e feconda.

Il visitAttore che si addentrerà nella misticità di questi incolti scorci paesaggistici, non potrà far a meno di immergersi nella purezza offerta dall'emotività trasmessa dal territorio dell'Amiata, un emotività che abbatte le barriere fisiche entrando nel cuore e rimanendovi come esperienza di pura armoniosità